Giovedì, 28 Gennaio 2021 20:35

Dpcm 14 gennaio, il ministero dell’Interno risponde al quesito del Club alpino italiano In evidenza

Scritto da 
  • dimensione font riduci dimensione font riduci dimensione font aumenta la dimensione del font aumenta la dimensione del font
  • Stampa
  • Email
Vota questo articolo
(0 Voti)
Dpcm 14 gennaio, il ministero dell’Interno risponde al quesito del Club alpino italiano

Dpcm 14 gennaio, il ministero dell’Interno risponde al quesito del Club alpino italiano

28 gennaio 2021

 

Come regolarsi per l'attività sportiva in montagna

 

 

Lo scorso 15 gennaio, il Club alpino italiano aveva inviato alla presidenza del Consiglio la richiesta di chiarimento sul d.P.C.M. del 14 gennaio 2021, che possa permettere ai propri iscritti di svolgere le attività che sono espressamente consentite dal decreto, fugando ogni possibile dubbio interpretativo. Il 21 gennaio, analogo quesito era stato inviato al ministero dell’Interno.

A distanza di una settimana, il Vice capo di Gabinetto del ministero, Paola Formicola, ha inviato una nota al Club alpino italiano con la quale si precisa che:

·          In area gialla l’attività motoria e quella sportiva hanno solo il limite del confine regionale o della Provincia autonoma.

·          In area arancione è consentita attività sportiva in altro comune, purché nella stessa Regione o Provincia autonoma, alla tassativa condizione che difettino, nel proprio comune, le condizioni perché l’attività possa compiersi.

·         In area rossa l’attività sportiva è limitata al solo territorio comunale.

 

 

La precisazione del Club alpino italiano

Sulla base di questo chiarimento, in una lettera inviata ai soci, il Club alpino italiano ci tiene a precisare che, in area arancione, «il presupposto per uscire dal proprio comune è il compimento di un’attività sportiva, nel nostro caso in montagna. Ne deriva che ad essere consentita è solo ed esclusivamente l’attività sportiva e non la gita o la passeggiata». In sostanza quel che risulta lecito è recarsi in una località montana, qualora il proprio comune non ne abbia le caratteristiche.

«L’uscita dal comune di residenza deve limitarsi all’attività stessa, prevedendone il rientro nel proprio comune immediatamente dopo averla praticata. Tutto ciò, naturalmente, nel pieno rispetto delle altre regole generali: esercizio in forma individuale; rispetto della distanza di almeno due metri dagli altri partecipanti; divieto tassativo di assembramento», puntualizza ancora il Cai.

 

«Questo chiarimento, osserva il Presidente generale Vincenzo Torticonsente, nel rispetto di tutto quanto precisato, di tornare ad attività in natura, e starà a tutti noi, con adeguata preparazione e correttezza nei comportamenti, far si che non vengano imposte nuove restrizione ad un’attività che è essenziale per il benessere psicofisico di tutti gli amanti della montagna».

 

Letto 266 volte
Nessun evento

Riservato ai soci CAI

Convenzione Stella Alpina